[...] Una melodia dolce, costante, con le corde dei filari capaci di mantenere una vibrazione apparentemente uguale, in realtà sporcata ora da luci più vive, ora da architetture che giocano a nascondersi nella terra e nei filari. Una strada sinuosa accompagna questo tuffo paesaggistico senza eguali, amplificato dalla cerchia alpina che pare fissare compiaciuta il viandante ubriaco, incapace di stabilire le priorità visive da perseguire [...].

da "Ritratti di una provincia. Girovagando tra le terre di Cuneo", 2016

Verso un Nuovo Mattino

La sua figura diventa infatti l’unica in grado di scorgere contemporaneamente il mattino e il tramonto, mantenendo la montagna al centro [...]. 

Scoprire la Valle Tanaro a bordo di un treno

La Valle Tanaro sussurra timidamente ai margini della città di Ceva, solleticandone il centro con le ultime propaggini montuose che sfumano in breve verso l'Appennino e le terre di Langa [...]. 

Una terra dalle suggestioni nascoste

Un corridoio verdeggiante che solletica le Alpi di Cuneo circumnavigandole parzialmente, dal quale si dipartono propaggini vallive dirette al mare, per un abbraccio che disorienta [...].

Con Tommaso Labranca a Milano (giugno 2016)
Con Luca Mercalli a Oulx (agosto 2018)
Con Enrico Camanni a Bagnasco (ottobre 2018)
Con Marco Confortola a Garessio (ottobre 2018)

Recensione "L'altra montagna" - Mountlive.com

Recensione "L'altra montagna" - La Piazza Grande

Recensione "Ritratti di una provincia" - Rivista Margutte

Recensione "Rifugiarsi volume 2 - Cuneotrekking.com